Carolina veste le star

Sapevate che a Tirrenia fu costruita una vera e propria cittadina del cinema? Nei primi anni trenta, sul litorale pisano, nacquero gli studi cinematografici della Pisorno. Alla storia di questi studi è dedicata la mostra Tirrenia città del cinema Pisorno/Cosmopolitan 1934 – 1969, visitabile a Palazzo Blu fino al prossimo tre luglio.

Ero a conoscenza dell’esistenza degli studi Pisorno grazie a un seminario di Museologia del cinema seguito ai tempi dell’università, ma la storia dettagliata di questa impresa cinematografica mi era pressoché sconosciuta, così, con la scusa di accompagnare Carolina alla visita guidata e al successivo laboratorio Vestiamo le star, io e mio marito abbiamo visitato la mostra: gioie e dolori della Pisorno vengono raccontate attraverso manifesti, filmati, costumi di scena e macchine da presa.

Partendo dal concetto di star, ho introdotto a mia figlia il laboratorio e la mostra, facendo leva sull’importanza del ruolo dell’attore e di tutto ciò che lo circonda. Le ho un po’ parlato del ruolo del regista, che è colui che “dice a tutti cosa devono fare e li aiuta”, del costumista “che veste le star”, dello scenografo “che sceglie dove l’attore deve recitare”.

Palazzo Blu, stiamo arrivando! Questa volta, ad attenderci, abbiamo trovato Chiara, e con lei la professionalità di Kinzica.

foto 2

Carolina, vuoi il desiderio di partecipare al laboratorio e un po’ di babbite acuta (mio marito era appena rientrato da un viaggio di lavoro), ha seguito a intermittenza ciò che Chiara spiegava ma, su alcune cose,  s’è soffermata con interesse: la pizza della macchina da presa, il modellino del tram che veniva usato per gli spostamenti e gli abiti di scena indossati, tra gli altri, da Sofia Loren.

Siamo poi passati alla sala dedicata al laboratorio: lì Carolina ha potuto dare sfogo alla costumista che è in lei. Aiutata da mio marito, ha incollato pezzetti di stoffa su un foglio bianco dov’erano riprodotte due “star che tanto tempo fa avevano recitato nei film girati a Tirrenia”.

Anche i vostri figli amano tanto la colla da diventare un tutt’uno con il foglio?

“Ancora colla!”

“Babbo ho finito la colla!”

Se poi parliamo di colla vinilica, ancora peggio.

foto 8

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...