Alla ricerca del folletto

 

Generalmente, quando mi siedo di fronte al mio pc e scrivo, lo faccio per narrare l’ultima avventura culturale di mia figlia. Ieri pomeriggio, da Io Gioco e Leggo – La bottega dei bambini, la mia libreria e ludoteca di fiducia, Carolina avrebbe dovuto prendere parte a un laboratorio di teatro ma lei, esserino particolarmente fragile, è già stata presa d’assalto dai tipici malanni stagionali che l’hanno costretta a letto. Peccato, ci tenevo particolarmente.

Sapete perché?

Perché il laboratorio in questione l’ho condotto io.

Perciò, oggi sono qui a raccontarvi la mia avventura in solitaria. Che poi, in solitaria, proprio non è stata; infatti, hanno giocato con me a fare teatro otto piccoli bambini che voglio ringraziare per avermi arricchita professionalmente ma soprattutto personalmente.

Insieme, non prima di aver fatto una bella merenda, siamo andati a cercare un folletto piuttosto dispettoso, sempre pronto a nascondersi per poi non farsi mai acchiappare!

foto-1

Grazie all’immaginazione e alla creatività tipica dei bambini, posso raccontare come è avvenuta la ricerca di questo esserino particolarmente birichino tramite una bella storia.

Prima di farlo, però, voglio spendere due parole per ringraziare una persona che da poco è entrata a far parte del mio mondo. Lei si chiama Cornelia, ed è la dolcissima proprietaria della bottega. Andate a trovarla! Collaborano con lei persone speciali sempre pronte ad accogliere a braccia aperte tutti i bambini.

IL FOLLETTO DISPETTOSO

C’era una volta un bambino che abitava con la sua famiglia in una grande casa. Un giorno, all’improvviso, iniziarono ad accadere delle cose strane. Una mattina, ad esempio, si alzò dal letto con i capelli pieni di colla. Che strano, pensò, che sarà successo? La mamma, non credendo alle parole del figlio, lo sgridò abbondantemente:

“Mamma ti giuro, mi sono alzato così, io non c’entro nulla!”

Il giorno seguente, mentre stava facendo i compiti, si accorse che tutte le sue matite erano spuntate.

“Ma com’è possibile” pensò, “ho fatto la punta proprio stamattina”.

Stavano succedendo cose bizzarre. Doveva andare in fondo a questa storia. Ad un certo punto, proprio mentre stava prendendo il temperino dal suo astuccio, notò qualcosa che si muoveva tra la gomma da cancellare e le forbici. Non fece però in tempo ad afferrarlo poiché quell’esserino scappò via!

“Ha un buffo cappello, orecchie a punta, è piccolo piccolo. Ma è un folletto! Ne sono sicuro!”

Lo cercò per tutta casa e, quando in cucina gli sembrò di vederlo tra la frutta, lo afferrò. Anche se, con sua grande sorpresa, si accorse che altro non era che… un calzino puzzolente!

Infatti quel folletto, che amava tanto fare i dispetti, era già tornato nel suo piccolo regno dove tante fatine rosa e fucsia lo aspettavano per giocare con lui a nascondino. A volte lo trovavano, a volte no. Altre, invece, la combinava talmente grossa da suscitare l’ira delle piccole creature colorate.

“L’hai combinata grossa questa volta. Quando la smetterai di fare i dispetti? Andrai via da qui per un po’, ti manderemo in un luogo lontano dove potrai riflettere su ciò che hai combinato”.

E così, passava tanto tempo negli abissi del mare, sulle cime delle montagne o i tra i vulcani.

Capitava, di tanto in tanto, che viaggiasse nel tempo e nello spazio. Ma sempre i dispetti faceva!

Era fatto così, il folletto. Usava la propria immaginazione e la propria creatività per portare scompiglio ovunque andasse.

Se volete conoscere le sue avventure, continuate a seguirmi. Ne vedrete delle belle!

A te, Carolina, io dedico questa storia.

La prima, ahimè, scritta a due mani.

Guarisci presto, ci aspettano tante altre belle avventure!

scarica-il-pdf-e-disegna-il-folletto-dispettoso-o-una-fatina

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...