IL MAGO BUGIARDO

C’era una volta un mago mangione che, pur di mettere qualcosa nello stomaco, inventava un sacco di bugie. Bandito dal regno poiché troppo bugiardo, partì con la sua bici per un lungo viaggio. Durante il tragitto, a causa di un’improvvisa nevicata, fu costretto a passare diversi giorni all’interno di una scuola abbandonata; qui incontrò una gallina golosa che, come lui, era stata allontanata dal suo pollaio perché raccontava troppe bugie. Un giorno, una valanga di neve bloccò la porta della scuola e i due, grazie all’aiuto di uno specchio trovato in un’aula, cercarono di spingere la grossa palla di neve sulla cima di una montagna.

Ma un lupo, vestito con abiti eleganti, non voleva che la palla di neve raggiungesse la cima della montagna, poiché avrebbe impedito il suo matrimonio!

Il mago e la gallina, bloccati a metà strada con la palla di neve e non sapendo che fare, iniziarono a chiedere aiuto. Improvvisamente, dallo specchio uscì una fata che decise di incontrare il lupo nella grande cucina dove si sarebbe tenuto il ricevimento al fine di convincerlo a tornare sui suoi passi. L’animale, dopo averci ragionato un po’ su, accettò che la palla di neve venisse portata sulla cima della montagna, ma ad una condizione: il mago si sarebbe occupato dell’intrattenimento degli ospiti suonando l’arpa. Entusiasta, accettò la proposta. Ma ingordo com’era, una volta lasciato solo in cucina, divorò tutto il banchetto di nozze.

“Chi è che ha mangiato tutto il cibo destinato ai miei ospiti? Sei stato tu mago?”

“Io? No, io no. Non c’entro nulla con questa storia”

Ma l’arpa, che era una spiona, raccontò tutto al lupo che, fuori di sé dalla rabbia, bandì il mago dalla sua montagna.

Al poveretto non restò che trasferirsi nel pollaio della sua amica gallina, l’unica che lo capiva fino in fondo.

COM’è NATA QUESTA STORIA?